Secondo l’istituto di ricerche di mercato Skopos, circa 1,3 milioni di vegani, o vegane, vivono attualmente in Germania, che è circa l’1,6% della popolazione. Sempre più persone seguono questa tendenza a fare a meno dei prodotti animali e a mangiare solo verdure. Mentre dieci anni fa in Germania c’erano solo 80.000 vegani, l’aumento del numero di vegani è evidente e il numero è in costante crescita.

I tatuaggi sono vegani?

Il veganismo non si limita alla nutrizione. Prodotti di origine animale o prodotti testati su animali si possono trovare anche nei tatuaggi. Quindi, se volete essere sicuri di non avere ingredienti di origine animale sulla pelle, dovete fare attenzione a quanto segue.

Parliamo dei colori dei tatuaggi. Si tratta di solventi, leganti e pigmenti che possono essere ottenuti da prodotti animali. Ad esempio, in questi prodotti si potrebbero utilizzare glicerina animale, gommalacca e carbone di legna. Ma questo sta diventando sempre più raro oggi. La gamma di coloranti senza additivi animali ed etichettati come vegani è quindi molto ampia e si possono trovare produttori rinomati come Eternal Ink, Intenze, Silverback Ink e Waverly Color. Tuttavia, nel processo di tatuaggio possono esserci altri usi di materiali non vegani ad un altro livello. Ad esempio, la carta stencil utilizzata dai tatuatori per trasferire il disegno del tatuaggio può contenere gelatina animale. Tuttavia, secondo il produttore, tutta la carta Spirit – sia Thermo che Freehand – è decisamente vegana. Inoltre, nei liquidi per stencil e sapone, possono essere presenti ingredienti di origine animale e anche alcuni rasoi usa e getta non ne sono completamente privi. Gioca sul sicuro con produttori come Stencil Stuff o Stencil Forte e Dr. Ing. Bronner’s Magic Soap. Per quanto riguarda i rasoi, sarà necessario verificare con il produttore per essere sicuri dell’origine dei materiali utilizzati.

Dov’è il mio limite?

A questo punto, chiunque voglia farsi un tatuaggio vegano deve decidere il proprio limite personale. Ti limiti agli inchiostri per tatuaggi che usi e ti assicuri che siano vegani, oppure li sostituisci con i tuoi inchiostri e usi solo prodotti vegani per il tuo tatuaggio?

In ogni caso, è meglio scoprire quali prodotti vengono utilizzati e discutere in anticipo i vostri desideri per i prodotti vegani con il tatuatore di vostra scelta. Naturalmente, ci sono tatuatori e studi che lavorano esclusivamente con materiale vegano, come il signor Fox e la signora Bär o Jakub Settgast. Li potete trovare a Berlino.

A parte questo, va detto che oggi non ci sono quasi più inchiostri per tatuaggi che non siano vegani. Esiste, infatti, un rischio maggiore per quanto riguarda i prodotti per la cura che utilizzano ingredienti di origine animale. Ma spetta a chi indossa il tatuaggio scoprire gli ingredienti dei prodotti per la cura della pelle che utilizzerà. Molti produttori utilizzano linee di cura della pelle vegane.

Qui potete cercare i paesi o le città dove trovare il vostro tatuaggio, secondo le vostre esigenze e desideri, o semplicemente cliccare sull’elenco completo delle gallerie di immagini. In questo modo, trovare un tatuatore vegano per il tuo tatuaggio vegano non sarà più un ostacolo alle tue passioni.